La FERALL nasce nel 1997 ed è gestita dai fratelli Vincenzo e Cesare Ferrari che proseguono la tradizione di fabbri artigiani del padre e della famiglia che da generazioni ha sempre lavorato nel settore del ferro battuto della carpenteria metallica. 
La nuova azienda ha affiancato all'esperienza suddetta, il settore alluminio con la tecnologia moderna del serramento utilizzando macchinari all'avanguardia che sono in grado di sviluppare processi di lavorazione con rapidità e precisione.
La struttura dispone di 2 capannoni che ospitano in maniera distinta i laboratori di lavorazione del ferro e dell'alluminio. 
All'interno è esposta un'ampia gamma di prodotti e il cliente viene seguito e consigliato dal personale esperto e qualificato. 
Siamo aperti dal lunedì al sabato. E' gradito l'appuntamento.

AGGIORMAMENTO PER LE DETRAZIONI FISCALI ATTUALI:

19 luglio 2012

L'iter di approvazione del DL 83/2012 e l'impegno per la stabilizzazione.

COSA PREVEDE L'ARTICOLO 11 del DL 83/2012

Fino al 31 dicembre 2012

Interventi di riqualificazione energetica degli edifici: conferma dell'attuale normativa con aliquota di detrazione al 55%.

Interventi di ristrutturazione: aliquota di detrazione al 50% e massimali di detrazione a 96.000 euro.

Dal 1° gennaio 2013 al 30 giugno 2013

Interventi di riqualificazione energetica degli edifici: conferma dell'attuale normativa e riduzione dell'aliquota di detrazione al 50%.

Interventi di ristrutturazione: aliquota di detrazione al 50% e massimale di detrazione a 96.000 euro.

Dal 1° luglio 2013

Interventi di riqualificazione energetica deli edifici: le detrazioni scompaiono

Interventi di ristrutturazione: le detrazioni, stabilizzate, sopravvivono con aliquota al 36% e massimale di detrazione a 48.000 euro.


In poche parole lo Stato offre la possibilita' di detrarre al 50% iva inclusa le spese sostenute per la sostituzione di finestre-avvolgibili-porte-fino al 30-06-2013,come descritto sopra,dalle tasse in 3-5-10 anni in base alla fascia di eta'.

Il 55% di detrazione quindi decade in sostituzione al 50% a fine anno 2012.


Contattateci per informazioni senza impegno ai numeri 3472412772-3472412779  

Scusateci se ci sono delle schede incomplete,siamo in allestimento,di foto e commento.

Informazione:Se non vedete le foto,sono visibili con Google Crome scaricandolo dalla rete. 

EFFICIENZA: PROROGA DEL 55% FINO A GIUGNO 2013

E’ stato approvato in extremis, dalle Commissioni referenti Finanze e Attività produttive, nonostante le preoccupazioni iniziali, l’atteso emendamento al Decreto sviluppo, che prolunga la vita del 55% per gli interventi di efficienza energetica, fino al 30 giugno 2013, mantenendo invece, quello sulle ristrutturazioni edilizie “normali” al 50% per i primi sei mesi del 2013.
La decisione sgombra definitivamente il campo dalle indiscrezioni che davano per certa una riduzione della detrazioni per l’efficienza energetica al 50% dal 31 dicembre 2012 con ovvie conseguenze negative, in termini di contrazione del mercato, che preoccupavano gli addetti ai lavori e le associazioni di categoria.
A difesa della detrazione Irpef e Ires al 55% era intervenuto nelle ultime ore, tra gli altri, il ministro dell’Ambiente Corrado Clini, che aveva promesso un intervento in favore del ripristino dell’aliquota originaria rendendo la misura per quanto possibile permanente.
Nel dettaglio, dunque, in base all’emendamento approfato, fino a tutto il giugno 2013, si continuerà a beneficiare per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, di una detrazione del 55% spalmata su 10 anni, mentre per le altre ristrutturazioni si è passati dal 36% di detrazione al 50%, sempre spalmato su 10 anni, elevando il tetto massimo di spesa agevolabile da 48.000 a 96.000 euro.
Maggiore attenzione dovranno prestare, invece, i contribuenti che abbiano già raggiunto per un intervento il limite massimo di spesa, in quanto i nuovi bonifici relativi alla stessa opera non potranno beneficiare della detrazione Irpef del 36%, aumentata al 50% fino al 30 giugno 2013.



 
Normative 07-03-2013
  

Detrazione 50%: può valere anche per il garage (e l’antifurto)

 

La sostituzione della saracinesca, in determinate circostanze, è compresa fra le ristrutturazioni.

 
Detrazione 50 pu valere anche per il garage e lantifurto
Gli articoli correlati
 
Efficienza in casa: meglio la detrazione 50%, 55% o il Conto Termico?
Quali incentivi scegliere per risparmiare sugli interventi di riduzione dei consumi domestici. Detrazione 50%: vale anche per le prestazioni professionali, ecco come
Detraibili anche le spese sostenute per le prestazioni legate agli interventi di ristrutturazione. Detrazione 50%: si può usare per l'impianto fotovoltaico
Lo ha confermato l’Agenzia delle Entrate rispondendo a un quesito posto da QualEnergia.it. Detrazione 50% anche per cablatura e rifacimento di impianti elettrici
Fino al 30 giugno 2013 si può usufruire dell’agevolazione prevista dal Decreto Sviluppo.

La detrazione Irpef del 50% sulle ristrutturazioni edilizie può valere anche per alcune tipologie di interventi di riqualificazione di garage, box e autorimesse e per l’installazione dell’antifurto. Lo sgravio attivo fino al prossimo 30 giugno può essere infatti utilizzato per sostituire la saracinesca del garage con un altro serramento avente le stesse caratteristiche, purché l’intervento avvenga su parti comuni. In tal caso si tratta di un’opera di manutenzione ordinaria e può valere, ad esempio, per la sostituzione della saracinesca di un garage condominiale collettivo.

 
Ma nella giungla di distinguo che caratterizza la detrazione del 50% c’è spazio per lo sgravio anche su interventi in garage privati. Questi possono essere agevolati quando la sostituzione della saracinesca comporta un miglioramento qualitativo della chiusura. Dunque può essere utilizzata per installare una saracinesca elettrificata (al posto di una manuale) o coibentata meglio. 
 
Chi invece vuole costruire un’autorimessa da nuovo ha la possibilità di utilizzare il 50% solo per i casi di autorimesse o posti auto pertinenziali, sia di uso comune che non. E’ questo uno dei pochissimi casi in cui la detrazione vale per costruzioni da nuovo e non solo per rifacimenti. Discorso analogo per l’installazione di una saracinesca laddove non c’era: anche per questo tipo di intervento è consentito lo sgravio poiché il montaggio della saracinesca è a scopo sicurezza. Partendo da questo presupposto possono essere sottoposti alla detrazione anche tutti gli interventi di installazione di misure preventive come antifurti, rilevatori di apertura ma anche serrature e catenacci.
 
Oltre alla detrazione del 50% per il garage è possibile utilizzare anche lo sgravio del 55% sugli interventi finalizzati a migliorare l’efficienza energetica. Quando difatti la sostituzione della saracinesca avviene con una maggiormente coibentata l’operazione rientra fra quelle atte a migliorare il rendimento energetico dell’edificio. Il caso classico è quello di un garage vicino all’abitazione (magari sottostante). Tuttavia la detrazione è valida solo se nel garage è presente un impianto di riscaldamento.